Rincaro dei prezzi nel 2014

pompa_di_benzina_distributore

Con l’arrivo del nuovo anno, ci aspettano brutte sorprese. I consumatori infatti, vedranno rincararsi il prezzo di molti bene e servizi di consumo quotidiano. Qualche esempio? Partiamo da una semplice lettera: il francobollo potrebbe salire, entro il 2016, da 70 fino a 95 centesimi. E con le raccomandate non andrà di certo meglio: l’aumento potrebbe portarne il costo da 3,60 euro fino 5, 40 euro! Aumenti che possono apparire minimi ma che, se si va a vedere in percentuale, sono di +35% per quanto riguarda le lettere semplici e ben +50% le raccomandate. Ad aumentare sarà anche il costo del caffè e delle bibite e degli snack acquistabili dai distributori automatici che si trovano un po’ ovunque. In questo caso, il rincaro sarà del 6% e interesserà anche i distributori automatici che si trovano nelle scuole e negli ospedali… Immancabile poi il ‘classico’ aumento della benzina e del gasolio che, già in questi giorni di fine anno, stando a quando dice il Codacons, hanno subito un rincaro. La media è di 1,796 euro al litro per quanto riguarda la benzina verde e 1,726 euro al litro il diesel. Secondo il Presidente del Codacons Carlo Rienzi, soprattutto per quanto riguarda gli aumenti dei servizi postali: “Con questo provvedimento si rischia di far pagare agli utenti l’ingresso di Poste Italiane in Alitalia, e quindi il salvataggio della compagnia aerea, esattamente come temevamo. Qualsiasi rincaro delle tariffe postali è ingiustificato e, come tale, sarà impugnato dal Codacons al Tar”. Insomma, anno nuovo, nuovi rincari dei prezzi… ma in fondo, ve lo aspettavate già, no?

 

pompa_di_benzina_distributore