Prezzi Pazzi Truffa o affare sicuro?



E’ il sito del momento. Almeno, per quanto riguarda lo shopping ‘affare’ su internet. O, quantomeno, la ‘promessa’ dell’affare. Si, perché Prezzipazzi è un sito di aste, per meglio dire, un sito che sfrutta il meccanismo già ben oliato delle aste on line per offrire, ai vincitori, l’opportunità di accaparrarsi oggetti molto costosi anche a prezzi estremamente minori rispetto all’effettivo costo sul mercato. Così capita che, ad esempio, un utente si sia portato a casa un iPhone di ultima generazione (prezzo di mercato 600 euro circa), all’irrisorio costo di appena 80 euro! E gli oggetti vinti, assolutamente e rigorosamente nuovi di zecca, effettivamente arrivano a casa, spediti regolarmente, con tanto di garanzia. Ma come funziona il meccanismo dell’asta su Prezzipazzi? Innanzitutto le aste per gli oggetti che si desidera aggiudicarsi, partono da 0 euro.

Dopo aver individuato l’oggetto desiderato, bisogna aspettare che parta la prima puntata. Infatti, appena un utente punta, scatta una sorta di timer che può andare dai 20 secondi fino ai 120 secondi. Se, dopo la nostra puntata, nessun altro utente ha rilanciato, allo scadere del tempo ci saremo aggiudicati l’oggetto. Ogni puntata ha un costo per l’utente di 50 centesimi di euro ma bisogna ricordarsi che, a fronte di un costo di puntata apparentemente basso, si instilla molto facilmente un meccanismo per il quale all’utente viene voglia spontaneamente di continuare a puntare, sempre di più. A quel punto, senza rendercene conto, saremo stati salassati. Il sito ci guadagna, e non poco, se si considera che, ad esempio per un iPhone, le puntate da 50 centesimi possono arrivare anche a 10 mila e se il telefono viene aggiudicato mettiamo a 100 euro, tutto il resto delle puntate restano di proprietà del sito…