Ecolusso Gucci, una bella realtà

Cattura

C’è il lusso e poi c’è l’Ecolusso, ‘corrente’ che si sta diffondendo sempre di più tra le aziende che producono questo genere di bene.  Si tratta di una filosofia che vede coinvolta in prima linea proprio una grande azienda italiana: Gucci. La casa di moda, risulta sempre un passo avanti per quanto concerne la sostenibilità ambientale, come afferma Rossella Ravagli, Head of CSR & Sustainability Gucci: “La collaborazione di Gucci con TNT per il progetto High Street fashion risponde alla ferma volontà del brand di ridurre gli impatti ambientali delle proprie attività. Siamo partiti nel 2010 con la creazione di un nuovo packaging realizzato esclusivamente con carta certificata FSC (Forest Stewardship Council) per continuare con l’ottimizzazione del carico trasportato, al fine di ridurre il trasporto su strada e le conseguenti emissioni di CO2, l’ottimizzazione del parco macchine e un programma volto a limitare il consumo di energia nei negozi. Nello stesso anno abbiamo ottenuto la certificazione ambientale 14001. Recentemente abbiamo avviato un progetto con il Ministero dell’Ambiente finalizzato alla valutazione dell’impronta ambientale e al calcolo delle emissioni di C02 prodotte all’interno della nostra filiera, con l’obiettivo di ridurle. Sempre con lo stesso spirito, abbiamo deciso di proporre alcuni prodotti realizzati con materiali innovativi meno impattanti dal punto di vista ambientale”. Ancora una volta, Gucci si afferma come azienda che ha a cuore le tematiche ambientaliste e si preoccupa della sostenibilità anche e soprattutto per quanto riguarda la produzione e, come nel caso del progetto ‘High Street Fashion’, del trasporto dei beni di lusso che produce.

 

Cattura